Escu ha giocato con la mandibola rotta, oggi sarà trasportato al Policlinico di Bari

lunedì 2 settembre 2019

TARANTO - Comincia con una bella vittoria a casa del Taranto il campionato in D della SSD Brindisi Football Club, girone H. Il colpo vincente di Granado in zona Cesarini cambia il volto di una partita che sembrava destinata al pareggio. Ma tra gli episodi da ricordare c'è l'eroica resistenza in campo di "Ibra". Oggi la società del Brindisi comunica che al termine della gara di campionato Taranto-Brindisi, disputatasi ieri e conclusasi con il risultato di 1-0 a favore dei biancazzurri, il calciatore Ibrahim Escu ha riscontrato un malore negli spogliatoi che lo ha costretto ad essere trasportato dal personale del 118 al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Perrino” di Brindisi per gli accertamenti del caso.

Il promettente classe 2001 ha trascorso tutta la notte in ospedale, sotto la supervisione del Medico Sociale, la Dott.ssa Maria Angela Monfregola. Gli accertamenti diagnostici hanno evidenziato una frattura alla mandibola. Il terzino sinistro di nazionalità gambiana, nella gara di ieri, era stato protagonista di uno scontro di gioco nel corso del primo tempo ricevendo le cure dello staff medico del Brindisi Football Club.
Escu, nonostante la botta subita e per amore della maglia biancazzurra, ha continuato a disputare la gara con grinta e sacrificio fino al termine della stessa. Stamane il calciatore sarà trasportato al “Policlinico” di Bari per ulteriori cure e accertamenti. 
La SSD Brindisi Football Club augura a “Ibra” una serena e pronta guarigione. La sua determinazione potrà fare la differenza in questo campionato. 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
15/09/2019
CASARANO - Nella terza giornata di campionato il Brindisi ...
Calcio
12/09/2019
La SSD Brindisi Football Club, in merito alla gara ...
Calcio
08/09/2019
 BRINDISI - Ancora una vittoria convincente, bella e decisa del calcio biancazzurro, ...
Calcio
04/09/2019
 La SSD Brindisi Football Club comunica che il ...
Regione Puglia è Comune di Brindisi quest’anno hanno unito le forze (soprattutti i soldi) per chiudere il ...