Uragano nel Mediterraneo: il "Medicane" lambisce il Salento

venerdì 28 settembre 2018
 Lo scivolamento di una saccatura di origine artica e il suo successivo isolamento a goccia fredda sulle caldissime acque del Mar Libico ha dato origine, nel corso della giornata di ieri, alla genesi di una profonda circolazione ciclonica poco al largo delle coste settentrionali libiche, Zorbas.

L’immagine satellitare mattutina mostra una spirale di nubi cumuliformi “attorcigliarsi” intorno al minimo di bassa pressione, già pari a 999 hPa. Forte maltempo sta già interessando l’isola di Creta, alle prese con una linea temporalesca alimentata dalle calde acque del Mediterraneo orientale (temperature superficiali tra 25° e 27° – fonte: SeaConditions).

Nelle prossime ore, la depressione mediterranea tenderà ad approfondirsi ulteriormente grazie al trasferimento di una grande quantità di energia termica (calore latente) dalle calde acque superficiali all’aria sovrastante. 

Il punto é: Zorbas evolverà in Medicane (MEDiterranean hurriCANE, uragano mediterraneo) o TLC (Tropical Like Cyclone, ciclone di tipo tropicale) o rimarrà una comune circolazione ciclonica?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo affidarci ad uno strumento molto utile per distinguere le caratteristiche tropicali da quelle extra-tropicali di un ciclone durante la sua evoluzione: stiamo parlando del diagramma di fase introdotto da Hart nel 2003, il quale si basa “su tre parametri che, oltre a descrivere la struttura termica di sistemi a nucleo caldo (warm core), tipica dei cicloni tropicali, e quella dei cicloni extratropicali che, invece, sono caratterizzati da una regione interna più fredda detta nucleo freddo (cold core), sono in grado di dare informazioni sullo stadio di sviluppo del sistema. La classificazione di un sistema come ciclone tropicale o extratropicale dipende essenzialmente dalla sua struttura termica rispetto alla verticale: un ciclone tropicale mostra una distribuzione del warm-core praticamente parallela all’asse di rotazione del ciclone, mentre un sistema di tipo extratropicale tende a divergere da questa configurazione. In base a questa caratteristica e alla sensibilità del metodo di Hart è possibile individuare ad esempio la transizione da ciclone tropicale ad extratropicale, oppure la transizione di un ciclone subtropicale in un ciclone tropicale a “nucleo caldo”.

Zorbas nasce come una comune depressione mediterranea a cuore freddo (punto A) per poi evolvere rapidamente (entro la giornata di domani) in TLC (Medicane), ossia in un ciclone tropicale con cuore caldo (debolmente) simmetrico. Successivamente, il cuore caldo dovrebbe assumere caratteristiche asimmetriche sino al successivo collasso dell’intera struttura.

Anche analizzando il secondo diagramma di fase di Hart, si nota l’evoluzione di Zorbas da comune depressione in ciclone con cuore debolmente caldo.

Alla luce di questa analisi, quindi, appare probabile l’evoluzione di Zorbas da comune depressione mediterranea in ciclone tropicale o uragano mediterraneo.

E per il Salento? La traiettoria meridionale non coinvolgerà in alcun modo il Salento, se non per un nuovo rinforzo dei venti settentrionali.

Supermeteo

Altri articoli di "Meteo"
Meteo
14/12/2018
 Una perturbazione piloterà nuovamente l'aria fredda presente sui Balcani ...
Meteo
13/12/2018
 Nuovo peggioramento in atto, merito di due perturbazioni di origine atlantica che ...
Meteo
10/12/2018
Aria più fredda di origine artica sta affluendo sui Balcani e in parte anche ...
Meteo
07/12/2018
Minime frizzanti questa mattina nelle zone interne, dove si fanno maggiormente sentire ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...