Sicurezza sul lavoro, controlli in 22 aziende: sanzionati titolari con lavoratori in nero

venerdì 14 settembre 2018
Le verifiche del NIL Carabinieri  e  dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro sono state finalizzate all’applicazione delle norme in materia di “sicurezza nei luoghi di lavoro” e al contrasto del “lavoro nero”.

Nell'ambito dell'attività dei Reparti Speciali dell'Arma, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Brindisi unitamente al personale dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Brindisi, a definizione dell'attività ispettiva svolta nella prima decade del mese di settembre finalizzata alla prevenzione e repressione del lavoro sommerso e dello sfruttamento del lavoro, nonché alla verifica del rispetto della normativa di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro nell’ambito del settore edile, agricolo e della ristorazione, hanno proceduto al controllo di 22 aziende operanti nel territorio di cui 10 irregolari, controllata la posizione di 41 lavoratori di cui 25 risultati irregolari e11 in "nero". Al termine delle verifiche, gli operanti hanno deferito in stato di libertà 15 persone, titolari – legali rappresentanti di attività imprenditoriali nonché committenti dei lavori, responsabili a vario titolo, delle violazioni di cui al D. Lgs. 81/2008 "Testo Unico Sicurezza nei luoghi di lavoro" (disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori).

Nello specifico le violazioni rilevate contemplate nel D.L.vo 81/2008 Testo Unico sulla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro” hanno riguardato gli obblighi del datore di lavoro e del dirigente, la movimentazione manuale dei carichi, (sorveglianza sanitaria); l’informazione e la formazione dei lavoratori; la verifica delle condizioni e capacità dei lavoratori; la nomina del medico competente; cantieri temporanei e mobili, l’idoneità tecnico professionale delle imprese affidatarie; le tavole ferma piedi; la nomina del coordinatore per la sicurezza; la redazione del PIMUS importante documento obbligatorio che riguarda il Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ogni volta che vengono utilizzati ponteggi.

Nel complesso sono state elevate sanzioni amministrative per un importo totale di 37.800 euro; contestate ammende per un totale di 143mila euro; adottati 2 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
15/11/2018
Il 62enne di San Michele Salentino ha telefonato ...
Cronaca
15/11/2018
L'informatore didattico originario di Milano aveva proposto il corso di formazione ...
Cronaca
15/11/2018
La donna, 82enne, era stata ricoverata al Fazzi di ...
Cronaca
15/11/2018
I quattro giovani hanno fatto incetta di tavolette di ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...