Col gommone sulla statale: dentro oltre 2 quintali di "erba" al gelsomino

venerdì 6 luglio 2018
La marjiuana era stata profumata al gelsomino, forse per confondere le tracce. In manette 2 brindisini.

Sorpresa per i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brindisi:  nel primo pomeriggio di ieri, durante un controllo alla circolazione stradale, i militari  hanno notato sulla SP 87 un’Honda che stava trainando un gommone nautico provvisto di motore sopra un carrello. Dietro, che seguiva a stretto contatto, una fiat Marea. I militari sono stati insospettiti dal fatto che ad un certo punto i due veicoli hanno viaggiato in parallelo, affiancandosi, mentre gli occupanti hanno dialogato tra di loro attraverso i finestrini per poi separarsi all’altezza dello svincolo per Tuturano/Cerano.
Il conducente della Honda ha  quindi svoltato per Tuturano Cerano, mentre il conducente della Fiat Marea ha  proseguito la marcia in direzione di Brindisi. I militari hanno quindi deciso controllare i due veicoli. Il conducente della Honda con a traino il carrello con il gommone è stato fermato e identificato per Fulvio Lonero di Brindisi. L’uomo ha mostrato da subito segni di insofferenza è sembrato particolarmente nervoso ed agitato, in prima battuta non ha profferito nulla, nel corso dell’ispezione al gommone ha poi riferito di trasportare della  sostanza stupefacente occultata nei tubolari del gommone.
Nel frattempo anche l’autista della fiat Marea è stato fermato, condotto in caserma e identificato come Massimo Ferrero, sempre di Brindisi. 

Con l’ausilio dei Vigili del Fuoco il gommone è stato squarciato e sono stati effettivamente rinvenuti all’interno dei tubolari 245 involucri di varie dimensioni contenenti marijuana essiccata per un peso complessivo di 250 chili. Gli ulteriori accertamenti espletati sul natante hanno fatto emergere che la polizza assicurativa del motore marino Yamaha montato sul gommone risulta intestata all’autista della fiat Marea, Ferrero Massimo. Nel corso della perquisizione è emerso che all’interno dei tubolari del gommone erano stati anche collocati 3 diffusori per ambienti  di essenze profumate al gelsomino, probabilmente per eludere  eventuale attività con unità cinofile. Pertanto i due brindisini, Fulvio Lonero  e  Massimo Ferrero,  rispettivamente di 36 e 37 anni, sono stati tratti in stato di arresto per detenzione ai fini di spaccio di una consistente quantità di sostanza stupefacente in concorso tra di loro, e condotti nella casa circondariale di Brindisi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
17/07/2018
L'episodio a Ostuni: a dimenticare a valigia un ignaro ...
Cronaca
16/07/2018
I due giovani di Oria sono responsabili di varie rapine a mano armata ai danni di locali ...
Cronaca
16/07/2018
L'uomo deteneva 2 flaconi di compresse di sostanze ...
Cronaca
16/07/2018
La povera donna ha dovuto sottoporsi ad un intervento ...
Giovedì 10 maggio con Gianfranco Berardi, attore non vedente, e Gabriella Casolari. Al Teatro Comunale di ...