Da Taranto a Brindisi in 7 ore: in permesso per un colloquio in carcere, rientra ai domiciliari solo in serata

giovedì 28 giugno 2018
Denunciata per il ritardo ingiustificato una 28enne: ai domiciliari a Brindisi, rientra a casa solo dopo 7 ore.

Da Taranto a Brindisi in 7 ore. Non è l'ennesima odissea a bordo di mezzi pubblici ma quanto ci ha messo una 28 enne di Brindisi, condannata ai domiciliari, a rientrare dopo il permesso concesso per avere un colloqui in carcere con il marito. I fatti ieri quando i carabinieri della stazione di Brindisi Centro, al termine degli accertamenti, constatato il ritardo ingiustificabile, l'hanno denunciata in stato di libertà per il reato di evasione. La donna, dopo aver presentato richiesta alla competente autorità ed essere stata regolarmente autorizzata a recarsi nel carcere di Taranto per effettuare un colloquio, al termine dell'incontro, alle ore 13.30, non è rientrata subito a casa, come prescritto. A casa ha fatto rientro invece solo alle 20.30, senza fornire giustificazioni plausibili.
Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
15/11/2018
Il 62enne di San Michele Salentino ha telefonato ...
Cronaca
15/11/2018
L'informatore didattico originario di Milano aveva proposto il corso di formazione ...
Cronaca
15/11/2018
La donna, 82enne, era stata ricoverata al Fazzi di ...
Cronaca
15/11/2018
I quattro giovani hanno fatto incetta di tavolette di ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...