Truffa, evasione, droga e violazione di edifici: pioggia di denunce nel brindisino

giovedì 4 gennaio 2018


Vasta operazione per la prevenzione dei reati nel territorio di brindisi.
I carabinieri hanno messo in atti un'operazione nel territorio di Brindisi per reprimere e prevenire i reati. Il risultato è una serie di denunce per differenti tipo di violazioni.
In particolare, a Brindisi i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brindisi hanno tratto in arresto in flagranza di reato di evasione, Majra Antonietta Altavilla, classe 1994 del luogo. La donna, già sottoposta alla misura degli arresti domiciliari, è stata sorpresa fuori dalla sua abitazione. Dopo le formalità di rito, è stata associata presso la Casa Circondariale di Lecce.

A Mesagne nei guai un minorenne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri di Mesagne, nel corso di una perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto in un armadio collocato nella sua stanza da letto tre barattoli contenenti 126 
grammi di marijuana, due bilancini di precisione e vario materiale atto al confezionamento delle dosi, il tutto sottoposto a sequestro. Il ragazzo è stato accompagnato presso un centro di prima accoglienza minorile.

A Tuturano ancora minorenni nei guai, questa volta in compagnia di un maggorenne, per invasione di edifici pubblici in concorso. I carabinieri hanno denunciato in stato di libertà, C.D., 18enne del luogo, insieme a quattro minori, sempre di Tuturano, per invasione di edifici pubblici in concorso. I ragazzi sono stati sorpresi all’interno di una struttura di proprietà del Comune di Brindisi.

Per ricettazione in concorso è stato denunciato poi un 31enne della provincia di Torino. I Carabinieri di Brindisi Casale, in collaborazione con i militari del nucleo operativo e radiomobile, hanno denunciato in stato di libertà G.C., ritenuto responsabile di ricettazione in concorso con altre due persone in via di identificazione. Nel primo pomeriggio di ieri un ispettore della Polizia di Stato ha segnalato alla Centrale Operativa della Questura di Brindisi la presenza di un’autovettura di grossa cilindrata con una persona alla guida, sulla quale erano salite altre due persone che dopo aver abbandonato in una strada cittadina un’autovettura rubata lo scorso 2 gennaio a Brindisi, facevano perdere le proprie tracce. La Questuraha quindi inviato sul posto il personale che hanno identificato in G.C. uno degli autori del furto. L’autoè stata recuperata e consegnata al legittimo proprietario.

Truffa durante l'acquisto di un'autovettura poi a Ostuni. Grazie alla denuncia di una donna del luogo, i militari hanno incastrato una donna napoletana per truffa. L’attività investigativa e la successiva acquisizione documentale ha permesso di accertare che 
P.A., 21 anni di Napoli, dopo aver ricevuto dalla denunciante su una carta “postepay” una ricarica dell’importo di 300 euro quale anticipo per l’acquisto di un’autovettura, ha volontariamente interrotto i rapporti con la denunciante non restituendo la somma percepita. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Cronaca
14/12/2018
Sul tir con targa greca erano stipati 145 colli ...
Cronaca
14/12/2018
L'episodio a Latiano: in manette un bracciante agricolo ...
Cronaca
14/12/2018
L'arma è stata ritrovata in contrada Martieni. I ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...