Droga nascosta nella cassetta dell'acquedotto: caccia al responsabile

giovedì 28 dicembre 2017
Il singolare nascondiglio per la droga è stato scoperto a Cisternino.

Come già accaduto a Brindisi nei giorni scorsi, anche a Cisternino qualcuno aveva scelto le cassette dei contatori delle utenze, acqua e luce, come nascondiglio per armi e droga. Il primo ritrovamento nel capoluogo, quando i carabinieri avevano rinvenuto, all'interno di un foro praticato nella parete al piano terra di un condominio, una pistola con matricola abrasa nei contatori dell'Enel.

Ieri poi una nuova scoperta: i carabinieri di Cisternino, a conclusione di un servizio di appostamento, hanno rinvenuto nella cassetta di un contatore dell'acquedotto – al piano terra di un condominio – 44 grammi di hashish, suddiviso in 9 involucri di cellophane. Questa strategia adottata per nascondere armi e droga negli spazi comuni condominiali è finalizzata a rendere difficoltosa l'individuazione dell'autore del reato. Lo stupefacente rinvenuto è stato sottoposto a sequestro mentre è scattata la caccia ai responsabili.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
17/01/2018
L'uomo, un 73enne di Oria, era al vertice di un sistema di sfruttamento sessuale didonne ...
Cronaca
17/01/2018
L'uomo, un 39enne di Vercelli, aveva simulato ben 13 ...
Cronaca
17/01/2018
I due fucili rubati si trovavano in un armadietto ...
Cronaca
16/01/2018
L'uomo si era sottratto alla cattura lo scorso ottobre: ...
Sabato 19 agosto a Lecce, in piazza Libertini. “Best of Soul”, l'imperdibile tour di Mario Biondi, fa ...