Chiude il sipario sulla 32esima Regata Internazionale Brindisi-Corfù

lunedì 12 giugno 2017
Finale molto combattuto nella 32esima categoria: testa a testa tra Frers 64 triestino Anyway di Fulvio Vecchiet, e il Farr 80 Idrusa del Montefusco Sailing Project, con Paolo Montefusco al timone.

Si è chiusa la sera del 9 giugno con la premiazione degli equipaggi vincitori nelle varie categorie la 32esima Regata Internazionale Brindisi-Corfù, che ha visto al via 121 equipaggi e solo sette tra ritiri e non giunti al traguardo, e un finale molto combattuto tra il Frers 64 triestino Anyway di Fulvio Vecchiet, e il Farr 80 Idrusa del Montefusco Sailing Project, con Paolo Montefusco al timone, finite prima e seconda in tempo reale, ma seconda e terza in tempo compensato nella classifica Orc overall vinta dall’XP 44 Alizée del CN Porto Civitanova. Successivamente, sempre in compensato, il Comet 54 Verve Camer di Giuseppe Greco, Istituto Tecnico Nautico Vespucci di Gallipoli; al quinto posto  il veloce M37 Black Coconut, Dicorato-Belardinelli-Ricucci, Lni Foggia.Per la sesta Excellent, il Bavaria 38 Match di Marco Andriano, CV Ondabuena Taranto.  Scende in settima, Buena Vista, l’FY 61 di Luigi Pannarale, Cus Bari. Ottava X-Lion, l’X-35 di Leone Pellè, Lni Taranto. Nona Morgan, il Grand Soleil 40C di Antonio Dolce, LNI Taranto. Infine Rotevistà 2.0, il Grand Soleil 39 di Gerardo Nolè, CV Ondabuena Taranto, per fermarsi al decimo posto. Un lotto di barche performanti, con equipaggi allenati, che sottolinea anche la crescita tecnica della regata.

Partita con vento debole alle 12 del 7 giugno, la flotta della 32esimo Brindisi-Corfù si è impantanata in una vera e propria bonaccia subito dopo il cancello di Otranto, dove barche come Idrusa e Anyway si sono trovate ad avanzare a meno di un nodo, per poi riprendere velocità più al largo. Nella notte, come previsto, è arrivato un maestrale sostenuto a togliere dai guai soprattutto il grosso degli equipaggi in regata. La lotta contro i cali di vento è ripresa nell’arcipelago che precede Corfù, tra Othoni e la costa nord-ovest dell’isola.  I giudici di regata hanno potuto rimuovere la linea di arrivo ben sei ore prima della scadenza del tempo limite.

Esultanza sul palco della premiazione per l’equipaggio marchigiano di Alizée, composto dall’armatore Paolo Grottesi, Renzo Grottesi, Luigi Masturzo, Sandro Iesari, Riccardo Cesini, Vincenzo De Bari, Enrico Clementi, Franco Petrelli, Pietro Scoppa, Beniamino Ferroni, alla presenza degli organizzatori, dei giudici di regata, e delle autorità civili e militari di Corfù e delle isole Ionie. Poi festa con musica,e  vino offerto da uno dei main sponsor.

In chiusura, un episodio curioso: la barca Blu Lion che rientrava a Taranto, ha incocciato tra Corfù e Leuca la pala di un timone del trimarano Machete, che l’aveva perduta in regata. Un colpo di fortuna per l’armatore del multiscafo che si risparmierà una discreta spesa. Il Circolo della Vela Brindisi, con il presidente Teo Titi, e il Sailing Club of Gouvia, danno appuntamento a tutti per il giugno 2018, con la XXXIII edizione di questa regata.

Altri articoli di "Altri Sport"
Altri Sport
08/06/2017
Alcune immagini e notizie della partenza della XXXII ...
Altri Sport
06/06/2017
La partenza della XXXII Regata Internazionale Brindisi-Corfù spostata al 7 giugno ...
Altri Sport
06/06/2017
In una giornata di tennis a più livelli accade che ...
Altri Sport
22/05/2017
Oro, argento e bronzo per i brindisini in gara a Busto ...
Tre date a luglio allo stadio via del Mare per lo spettacolo firmato da Riccardo Cocciante e David Zard.  Il ...