"Due", al Teatro Verdi arrivano Raoul Bova e Chiara Francini

domenica 26 febbraio 2017
La commedia affronta gli interrogativi di una giovane coppia alle prese con il furturo insieme ma anche con i fantasmi del passato. 

In arrivo al Teatro Verdi di Brindisi martedì 7 marzo Raoul Bova e Chiara Francini con “Due”, uno commedia che racconta l’inizio della convivenza per una coppia presa da mille interrogativi. La regia è di Luca Miniero che firma il testo con Astutillo Smeriglia. Una coppia all’inizio della convivenza sviscera i dubbi e le insicurezze che accompagnano una decisione così importante nella “modernità liquida” nella quale viviamo. Per l’autore di film come «Benvenuti al Sud» e «Benvenuti al Nord» si tratta della prima opera come regista teatrale: una divertente commedia nella quale il presente di due fidanzati conviventi si scontra con facce e personaggi del loro passato e futuro, proiezioni di ciò che è stato e ciò che sarà.


La scena è una stanza vuota. Ma mentre Marco cerca di allestire la casa al meglio e si cimenta nell’impresa non semplice di montare un letto, Paola lo interroga sul loro rapporto pretendendo di sapere come diventerà tra vent’anni: da questa discussione il regista e gli attori fanno emergere tutta la distanza tra il modo di interpretare la relazione nell’uomo e nella donna. Lei vorrebbe sposarsi ma alla fine non sa se vuole sposarsi, mentre lui farebbe anche a meno di sposarsi ma alla fine confessa che vuole sposarsi. Insomma, la classica storia d’amore, con ingerenze esterne, viaggi nel tempo, un letto Ikea ed Epicuro. Perché una storia d’amore senza filosofi greci non vale neanche la pena iniziarla.


Entrambi evocano facce e personaggi del loro futuro e del loro passato: genitori, amanti, figli, amici, presenze che in tutte le coppie mettono a rischio la serenità, e che nello spettacolo sono interpretate dagli stessi protagonisti che accompagnano in scena dei cartonati con le diverse figure evocate. Alla fine il palco sarà popolato da tutte queste sagome e dai due attori: immagine stilizzata di una vita di coppia reale, faticosa e a volte insensata. Le musiche e i balletti incorniciano i dialoghi, nei quali la morale dell’autore emerge attraverso aforismi e citazioni filosofiche secondo cui il matrimonio è ben altra cosa che la convivenza.

"Nella coppia ciascuno porta il proprio passato e il proprio futuro - ha spiegato il regista Luca Miniero -, e quasi inavvertitamente affiora una differente visione della vita tra femminile e maschile. Lo spettacolo parte da una domanda che la coppia si pone: “Come saremo tra vent’anni?”. È una vera e propria paura che costringe i due a interrogarsi sui risvolti delle rispettive differenze. Ma l’amore è follia: non si sa quello che potrà accadere». Nella storia cominciano a prendere spazio gelosie e piccoli rancori che turberanno un equilibrio già fragile. «Spesso non ci accorgiamo che in due siamo molti di più - ha concluso Miniero - e in questa storia montare un letto sarà tutt’altro che una passeggiata".

Si comincia alle ore 20.30. Durata dello spettacolo: un’ora e 20 minuti (atto unico)
Ingressi da 18 a 25 euro (ridotti da 16 a 22 euro); studenti al di sotto dei 25 anni 10 euro; ragazzi fino a 12 anni e gruppi scolastici di minimo 15 studenti 6 euro
Biglietteria online http://bit.ly/2lhl4Sd

Tel. (0831) 229230 - 562554

Altri articoli di "Teatro"
Teatro
26/03/2017
Il primo musical sulla vita della "principessa ...
Teatro
01/03/2017
“La musica è pericolosa” è il titolo dello spettacolo di Nicola ...
Teatro
22/02/2017
Nuovo appuntamento giovedì 23 febbraio alle 20.30 ...
Teatro
06/02/2017
Al Verdi un grande classico per continuare il 2017 della prosa. Lo spettacolo è il ...
Tre date a luglio allo stadio via del Mare per lo spettacolo firmato da Riccardo Cocciante e David Zard.  Il ...