Referendum: il ministro Orlando a Brindisi per il Sì

lunedì 24 ottobre 2016

L'intervento del mininisto della Giustizia Andrea Orlando all'incontro sul referendum costituzionale organizzato a Brindisi dal «Comitato BrindiSi può».

La Costituzione, ha ricordato il ministro durante l’incontro, ha indotto negli anni diversi rappresentanti politici a proporre una sua modifica. Il nostro sistema di norme deve avvicinare l’Italia sempre più al centro del dibattito europeo. «Nella battaglia che si sta combattendo tra populismo e integrazione - ha detto Andrea Orlando – è inevitabile che la vittoria del Sì interessi anche le ragioni che stiamo sostenendo a livello europeo. Per questo credo sia necessario guardare molto oltre la nostra contingenza. L’Italicum? Naturalmente dopo il referendum. Noi siamo chiamati a esprimere un voto che non riguarda soltanto il destino di questo governo, di questa o della prossima legislatura, ma un voto che segnerà molto profondamente e a lungo la prospettiva politica del nostro Paese. Non sono per le visioni apocalittiche - ha aggiunto il ministro - ma in caso di vittoria del No il dossier delle riforme istituzionali sarebbe messo in un cassetto e chiuso a chiave per molto tempo: quanto possiamo aspettare ancora? La credibilità delle istituzioni crolla verticalmente e rimanere fermi non è certo la soluzione migliore per creare argine e invertire la tendenza. Ogni anno il Parlamento perde pezzi di fiducia, al pari delle atre istituzioni che sono travolte da un clima di crescente scetticismo. Possiamo ritrovarci qui, magari tra cinque anni, a discutere su come avremmo potuto scrivere meglio l’articolo 70? Io penso di no. Ogni Paese è investito da un processo storico che determina il cambiamento. Siamo dentro questo processo riformatore e non possiamo voltare le spalle alla necessità di cambiare per migliorare».

Il ministro della Giustizia Orlando ha concluso il suo intervento richiamando la responsabilità democratica dei cittadini che il prossimo 4 dicembre saranno chiamati a esprimersi sul referendum confermativo: «è essenziale che i cittadini che andranno alle urne sappiano esattamente cosa stanno facendo, quanto incida per gli scenari futuri la risposta al quesito, e il compito della politica è di spiegare ai cittadini le ragioni del voto. Un fatto è certo: più si entra nel merito, più si affronta l’oggetto, più si ricorda da quanto tempo si sta lavorando per cambiare, più il Sì è destinato a rafforzarsi».

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
16/09/2019
PUGLIA - Il reddito di cittadinanza ha dato un po’ di ...
Politica
13/09/2019
ROMA - Sono 42 i sottosegretari del governo Conte bis. ...
Politica
10/09/2019
Il tavolo del centrosinistra riunitosi oggi ha definito ...
Regione Puglia è Comune di Brindisi quest’anno hanno unito le forze (soprattutti i soldi) per chiudere il ...