Trofeo ‘Elio Pentassuglia’ va a Caserta. Sacchetti: “Dobbiamo ancora crescere tanto”

giovedì 22 settembre 2016
Il VI Memorial Elio Pentassuglia se lo aggiudica la Juve Casarta, battendo una Enel in netta fase di costruzione per 86-90.

Si scrive ‘Enel Basket Brindisi’, si legge ‘Lavori in Corso’. D'altronde, è una squadra giovane e nuova e la fase di rodaggio è normale amministrazione, anche se una tiratina d’orecchie va fatta a qualche giocatore.
Dunque, in un gremito PalaPentassuglia, Brindisi sfida Caserta per aggiudicarsi il trofeo Elio Pentassuglia, dinanzi al proprio pubblico. Coach Sacchetti schiera titolare il quintetto formato da Moore, Scott, M’Baye, Cardillo ed Agbelese. La gara appare equilibrata, grazie anche ad una non eccellentissima forma degli ospiti campani. Tra le file dei padroni di casa si nota immediatamente poco feeling, con Agbelese e Carter che sbagliano molto (il primo anche due tiri liberi). Per ora, sembra che solo Durand Scott riesca a far la differenza. Il primo quarto si chiude con gli ospiti in vantaggio per 15-20.
Il secondo parziale si apre con due tiri dalla lunga distanza di English, uno di Moore e con il solito Scott. Così, Brindisi è sotto di solo un punto: 31-32. E’ ancora English a creare scompiglio tra le maglie campane e mette la finalmente la freccia. Ora l’Enel comanda 34-32. Ma Caserta non ci sta e risorpassa i padroni di casa. Il primo tempo dice 40-42.
La ripresa è tutta un’altra partita. Agbelese pare rigenerato (11 punti), English fa il fenomeno (16) e Scott è quello della scorsa stagione (14). Nonostante siano saltati alcuni ruoli, l’Enel termina il terzo parziale sul punteggio di 63-61.
Nell’ultimo quarto, Brindisi cerca di mettere distanza tra sé e Caserta. Così, anche Moore si mette in luce e sgancia qualche bomba delle sue, raggiungendo quota 14 punti totali e finalizzando una splendida azione corale. L’Enel è avanti per 71-67. Ma, così come nella passata stagione, è ancora il finale di gara a tradire gli uomini di Sacchetti, che si fanno surclassare dagli avversari. Dopo essere stati ancora in perfetta parità (86-86), la Juve Caserta sigla il definitivo sorpasso, vincendo il Memorial dedicato ad Elio Pentassuglia per 86-90.
Come detto, si è vista una squadra che ancora non ha gli automatismi giusti per comandare il gioco e questo ha fatto sì che la partita non fosse neppure tanto spettacolare. Solo English e Scott (rispettivamente 16 e 21 punti) hanno fatto la differenza. “Ho visto solo uno sprazzo importante nel 3° quarto – ha commentato Meo Sacchetti a termine della gara – ci manca ancora durezza mentale e nel finale abbiamo fatto delle bruttissime scelte. Dobbiamo crescere ancora e voglio più aggressività”. Poi, sulla mancanza di un vero leader in campo, Sacchetti ha sostenuto che “non tutte le squadre hanno sempre un leader e chi non ce l’ha può far bene lo stesso. Però, Moore potrebbe diventarlo”.
Ora, c’è solo una amichevole per Brindisi, in programma domenica prossima, prima dell’esordio casalingo in campionato del 2 ottobre contro Trento.
Tommaso Lamarina
 
Altri articoli di "Altri Sport"
Altri Sport
23/11/2020
Ottava vittoria consecutiva in Lega A, nuovo record ...
Altri Sport
18/11/2020
Arriva la prima sconfitta in Basketball Champions League ...
Altri Sport
15/11/2020
Settima vittoria consecutiva in campionato e record in ...
Altri Sport
12/11/2020
Settima vittoria consecutiva incastonando una gemma ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...