Porto, D'Attis: “Nostre le prime denunce di scippo, nostre le proposte mai ascoltate, di altri le scelte su moratoria”

martedì 6 settembre 2016
“Siamo stati i primi a denunciare lo scippo che si stava determinando con la cancellazione di Brindisi dai porti ‘core’ dell'Unione Europea”.

Lo afferma, in una nota, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale Mauro D’Attis. E prosegue: “Siamo stati i primi a contestare il Piano Nazionale Strategico della Portualitá che, con il successivo riordino, ha solo cancellato Brindisi invece di dare, come previsto nelle intenzioni, una Autorità di Sistema unica per la Puglia. È stato nostro (dei gruppi di centrodestra) l'ordine del giorno che proponeva una posizione ufficiale del Comune di Brindisi in tal senso fornendo anche ulteriori alternative come la governance itinerante. Siamo stati i primi, ancora – prosegue D’Attis - a dire che una moratoria senza uno scopo ben preciso non ha alcun senso. In gioco c'è il ruolo di Brindisi, nonostante gli scippi subiti. E non possiamo sostenere ‘moratoria sì’ o ‘moratoria no’ senza che ci siano impegni precisi per il futuro. In base al testo che sarà proposto valuteremo quindi la posizione come Forza Italia”.
 
Altri articoli di "Politica"
Politica
20/02/2020
SALENTO - Il tour di Matteo Salvini per le elezioni ...
Politica
19/02/2020
SQUINZANO (LECCE) - Neanche la pioggia sembra poter ...
Politica
17/02/2020
BRINDISI - Dai vertici nazionali al segretario regionale di ...
Politica
12/02/2020
A Lecce continuano le polemiche per le frasi di Pippi Mellone contro l'Anpi. “Da ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...