Sostegni scolastici per diversamente abili, la palla passa ai Comuni. Bruno: “Ci sono 700 mila euro”

mercoledì 3 agosto 2016
Un’altra criticità, l’ennesima, da affrontare a petto in fuori per la Provincia di Brindisi. Si tratta di garantire l’efficienza dei servizi di sostegno nelle scuole per i ragazzi non vedenti o ipovedenti e sordomuti.

Il presidente degli ipovedenti, Michele Sardano, non ci sta ed alza la voce, chiedendo feedback positivi. Ha timore che il servizio scolastico per i diversamente abili non garantirà più l’ottimo apporto finora assicurato. Dal canto suo, il presidente della Provincia, Maurizio Bruno, si impegna affinchè il sostegno continui ad eccellere, nonostante, da oggi, la competenza sia passata ai Comuni.
E’ questo, in sostanza, il botta e risposta tra le parti. Attenzione, però. Non si tratta di un braccio di ferro, ma di un confronto costruttivo sul da farsi.
Sardano paventa un probabile regresso del servizio, a seguito del passaggio della gestione agli ambiti (i Comuni, ndr). Decisione presa, secondo lui, autonomamente dall’Ente provinciale, senza consultare prima le varie associazioni: “Servono fondi per l’integrazione scolastica di disabilità sensoriale – ha dichiarato Sardano – questo tipo di disabilità riguarda i sordi ed i ciechi ed ha bisogno del supporto aggiuntivodi operatori specializzati, per consentire l’integrazione scolastica ed extrascolastica. Il mio timore – spiega – è che tutto questo venga dato in gestione agli ambiti e, quindi, che venga meno la qualità del servizio di accompagnamento durante tutta l’età scolastica: il diritto allo studio non può e non deve essere negato”. Michele Sardano, poi, fa riferimento alla legge regionale 19, art. 17, secondo cui l’Unione Italiana degli Ipovedenti, a livello regionale, ha presentato degli emendamenti, raccolti dal dirigente regionale Candela, che sono stati elaborati nella stessa legge: parliamo di 6 milioni di euro stanziati (per la Puglia, di cuisettecento mila euro per la Provincia, ndr). Il problema pare essere la distribuzione del denaro, in quanto insufficiente per tutto l’anno scolastico. “Il mio auspicio – conclude Sardano – è che gli ambiti gestiscano bene questi fondi”.
 Il presidente Bruno rispedisce al mittente gli attacchi ed evidenzia il proprio impegno, nonostante il passaggio del servizio ai Comuni, affinchè Regione ed ambiti trovino un accordo. “L’unica certezza che abbiamo – sostiene a latere dell’incontro – è che proprio domani il Governo stanzierà per la Provincia di Brindisi le stesse risorse dell’anno scorso, ossia 700 mila euro e che basteranno fino al 31 dicembre. L’intenzione della Provincia è quella di trovare sinergia con gli ambiti, perché noi non possiamo più proseguire nell’impegno, soprattutto,per determinate funzione come quelle dei servizi sociali, perché non abbiamo più risorse. Noi faremo da tramite con la Regione e passeremo alcuni servizi all’ambito, con le medesime risorse che il Governo e la Regione ci daranno. L’obiettivo è quello di scongiurare disagi per gli utenti”. Ma continuerà ad esserci personale competente atto svolgere tali delicate mansioni? “Con la mobilità – conclude Bruno - la Provincia non ha più personale qualificato, quindi, stiamo traghettando questi servizi agli ambiti, proprio perché abbiano non solo competenze ma anche personale qualificato”.
Infine, durante la riunione, il presidente della Provincia ha anche parlato del futuro, assicurando che nessun operatore verrà licenziato e che ogni associazione avrà i giusti fondi. Specifica, poi, che dopo il 31 dicembre, ogni Comune indirà una gara d’appalto per la gestione del servizio e che, prima dell’inizio dell’anno scolastico, avverrà un incontro con le varie associazioni.
Tommaso Lamarina
 
Altri articoli di "Politica"
Politica
18/09/2019
BRINDISI - Tutti fermi nel centrodestra e tutti fermi nel ...
Politica
16/09/2019
PUGLIA - Il reddito di cittadinanza ha dato un po’ di ...
Politica
13/09/2019
ROMA - Sono 42 i sottosegretari del governo Conte bis. ...
Politica
10/09/2019
Il tavolo del centrosinistra riunitosi oggi ha definito ...
Regione Puglia è Comune di Brindisi quest’anno hanno unito le forze (soprattutti i soldi) per chiudere il ...