Rifiuti, approvata la legge che disegna la nuova governance

martedì 2 agosto 2016
Con 25 sì il disegno di legge sulla gestione del ciclo dei rifiuti è stato approvato nella notte dal Consiglio regionale.

“Abbiamo appena approvato in Consiglio regionale le nuove disposizioni in materia di gestione del ciclo dei rifiuti. Siamo consapevoli che non basta solo una legge per sistemare la questione relativa ai rifiuti nella nostra regione, ma siamo persone che non si arrendono e combatteremo sino all'ultimo per fare le cose perbene nel limite delle umane possibilità. E questo grazie al provvedimento che abbiamo appena votato”. Così, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano commenta l'approvazione avvenuto nella scorsa notte del disegno di legge che ridisegna la gestione del ciclo dei rifiuti in Puglia. Il provvedimento ha incassato venticinque voti favorevoli, il no delle opposizioni – Forza Italia, Movimento 5 stelle, Conservatori e Riformisti- e l'astensione di Area popolare.

 

La legge crea un'agenzia unica per la gestione del ciclo dei rifiuti – che avrà personalità giuridica, prevede sei impianti di compostaggio e un commissarioSarà compito dei responsabili dell’Ambito territoriale ottimale attuare il piano regionale di gestione dei rifiuti, affidare la realizzazione e la gestione degli impianti di trattamento, recupero, riciclaggio e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e determinare le tariffe per l’erogazione dei servizi. Tra gli organi oltre al collegio dei revisori dei conti sono previsti il direttore generale, il comitato dei delegati e il presidente che sarà eletto dal Comitato dei delegati mentre il direttore sarà nominato dalla Giunta regionale, con procedure di evidenza pubblica, su proposta del Presidente della Regione.

 

“Il ddl rifiuti consentirà alla Puglia di uscire dalla fase di stallo, in cui la regione si trova attualmente per via della gestione sbagliata del ciclo dei rifiuti. Questa legge introdurrà una nuova governance della gestione del ciclo dei rifiuti, che possa finalmente portare a compimento l’attuale piano permettendo di realizzare l’impiantistica necessaria a realizzarne la chiusura”. Lo ha detto in una nota Marco Lacarra, consigliere regionale e segretario del Partito Democratico in Puglia, a margine della discussione in Consiglio sul disegno di legge n.128 del 14/07/2016 su “Disposizioni in materia di gestione del ciclo dei rifiuti. Modifiche alla legge regionale n. 24/2012 ‘Rafforzamento delle pubbliche funzioni nell’organizzazione e nel governo dei Servizi pubblici locali’”.

 

“L’istituzione dell’agenzia unica regionale consentirà di superare le criticità tecnico-amministrative degli Oga e di avere una struttura – ha spiegato Lacarra - dedicata alla realizzazione dell'impiantistica, alla disciplina dei flussi di rifiuti e all'espletamento delle procedure di affidamento, le cui modalità verranno individuate dai Comuni nelle forme previste dall'attuale normativa. Questo non vuol dire mettere da parte i Comuni nella gestione, ma superare le attuali difficoltà che hanno portato a situazioni estreme. Un esempio per tutti la mancanza nella provincia Bat dell’impianto di trattamento meccanico biologico”. Lacarra, insieme al presidente della quinta commissione Filippo Caracciolo, ha inoltre proposto un emendamento che consentirà di avere regole certe sulle procedure di espletamento delle gare in corso per l’affidamento del servizio unitario di raccolta, spazzamento e trasporto degli rsu.

 

“Abbiamo apprezzato l'atteggiamento stoico del collega Borraccino che pur di non farla fare sotto alla maggioranza, in termini di numeri, ha per 12 minuti tenuto "congelato" il numero legale per consentire ai colleghi della maggioranza di espletare i loro fisiologici bisogni. In aula, infatti, su un provvedimento così importante e delicato il governo non aveva i numeri della coalizione per andare avanti. Al caro presidente Emiliano diciamo più che regalare poltrone regali alla sua maggioranza pannolini o pappagalli se vuole che questa legislatura duri fino alla fine o comunque più di una scappatina al bagno”, è la dichiarazione congiunta dei consiglieri regionali del gruppo Conservatori e riformisti.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Ambiente
21/11/2018
Gli ingegneri nominati dal gip hanno concluso che il gasdotto e la rete gas Snam alla ...
Ambiente
16/11/2018
L'operazione disposta dalla Procura di Lecce nell'ambito ...
Ambiente
02/11/2018
Attività di contrasto al fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti: ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...