Incidente ferroviario, sei indagati. Al setaccio i documenti per il raddoppio del binario

domenica 17 luglio 2016
Sono sei le persone indagate per la strage dei treni: dopo Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, i due capistazione in servizio ad Andria e Corato, il terzo nome emerso è quello di Nicola Lorizzo, il capotreno sopravvissuto. Ma ci sono anche i vertici della socità.

Gli altri tre indagati sono il direttore di Ferrotramviaria, Massimo Nitti, il direttore di esercizio Michele Ronchi e il presidente della società Gloria Pasquini. L'ipotesi per tutti è disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo. Lorizzo ieri ha incontrato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la breve visita del capo dello Stato nel reparto di Neurochirurgia del Policlinico di Bari dove il capotreno è ancora ricoverato.
Intanto prosegue l'inchiesta sul raddoppio del binario. La Guardia di Finanza di Bari sta acquisendo, anche negli uffici della Regione Puglia, i documenti sull'erogazione e la gestione dei finanziamenti europei e regionali stanziati proprio per il progetto. Non solo, perché il pm Michele Ruggiero, sta indagando anche sullo slittamento del finziamento della tratta, dalla tranche 2007-2013 a quella successiva, 2014-2020. Si vertificherà anche se, come sostengono alcuni, lo sportamento del finanziamento si sia reso necessario per problemi sulle autorizzazioni locali. 
Altri articoli di "Brindisi"
Brindisi
14/01/2019
Dopo 18 ore di serrate indagini è stato fermato l’autore del tentato ...
Brindisi
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Brindisi
14/12/2018
Sul tir con targa greca erano stipati 145 colli ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...