Il gioco crea indipendenza: a Ceglie la 12esima edizione del "Festival dei giochi e delle tradizioni"

lunedì 6 giugno 2016
Dalla striscia di Gaza alla Valle d’Itria, da Cuneo alla Puglia, un esercito di parkour, acrobati circensi, skaters e break dancers in arrivo dai quattro angoli del mondo è in marcia alla volta di Ceglie Messapica per la dodicesima edizione del Festival dei giochi e delle tradizioni, la cinque giorni dedicata ai giochi di strada organizzata dall’associazione Casarmonica che si terrà dal 15 al 19 giugno 2016. 

Anche quest’anno si scommette sulle armi ludiche per risvegliare la città: attesi quindicimila spettatori più uno, una unità in più della scorsa edizione, che ha registrato numeri da capogiro fra partecipanti e ospiti del festival, più una truppa di ben 150 volontari di età compresa fra i 16 anni e i 100. Un evento organizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale di Ceglie Messapica, Armamaxa teatro, lo studio di produzione video Punes, le associazioni Carticù, Comunitazione, Gran teatro del click, Salento fun park e Quercetti&C azienda di giocattoli torinese, quella dei celeberrimi chiodini, per intendersi.

Alla conferenza stampa di presentazione del Festival che si terrà l’8 giugno alle 10,30 presso la sala conferenze del Museo Maac di Ceglie Messapica in via Enrico De Nicola parteciperanno il direttore artistico Mirko Lodedo, il sindaco Luigi Caroli, il Oresidente di Salento Fun Park Marcello Ostuni, Marina Milone del Comitato per la tutela della salute e il presidente dell’Aci, l’Automobil club Italia che nei giorni del Festival allestirà presso il Palasport in via  Montrigone un circuito stradale con istruttori che guideranno i più piccoli alle prime prove al volante imparando le regole per una guida sicura. 

Per l’edizione numero dodici, lo scenario urbano della città messapica spalancherà le porte alle comunità di gioco internazionali portatrici sane di messaggi di pace, come i ragazzi del Parkour Gaza family, allenati sui campi della Palestina e protagonisti di evoluzioni aeree dai tetti dei palazzi ateniesi ai cornicioni che perimetrano i boulevard di Francia. O i baby altleti del circo Fuma che nduma, che si esibiranno in numeri di giocoleria, equilibrismo, acrobatica: prove di concentrazione, disciplina, memoria e coordinamento visuomotorio e visuospaziale, più che esibizioni muscolari. 

I luoghi del festival sono tracciati in una mappa che comprende tutte le piazze e le strade del centro storico dove andranno in scena competizioni spettacolari come il Grande tiro alla fune (400 persone vs 400 persone, da piazza Plebiscito a piazza Sant’Antonio); il Biliardone, ovvero il calcio balilla umano con porte vere e tubi innocenti; i Carrettoni, veicolo homemade costruito con materiale di riciclo, solitamente legname e cuscinetti a sfera; e naturalmente la Cuccagna, un palo alto 8,5 metri, intorno al quale diverse squadre si sfidano con l’obiettivo di raggiungere la cima e fare incetta di salumi e formaggi, tenendo tutto il paese col naso all’insù e il fiato sospeso. Fra i giochi in formato XXL (il gigantismo è un po’ la cifra del festival), quest’anno ci sarà anche il Megabilia ovvero una pista di 101,6 metri dove i concorrenti si sfideranno nel gioco delle biglie. 

Primo atto del Festival, l’anteprima che si terrà mercoledì 15 giugno, con un dibattito a più voci cui parteciperanno delegati di Emergency e il Comitato contro la chiusura del reparto Pediatria ad Ostuni, prevista dal piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia.  Il Festival si mobilita dunque anche quest’anno per una buona causa, a tutela dei più piccoli, perché se c’è una cosa con cui proprio non si gioca, quella è la salute dei bambini. Una battaglia combattuta senza tradire lo spirito del gioco: medici e infermieri delle divisioni di Pediatria e Cardiologia dell’ospedale della Città bianca si sfideranno in una partita di calcio in piazza Sant’Antonio. Chi vince, tiene aperto il reparto. La Partita della salvezza si terrà in piazza Sant’Antonio venerdì 17. 

Non sarebbe festa, e non sarebbe il Festival dei giochi e delle tradizioni, senza musica. Per i cinque giorni del festival le piazze della città saranno animate da concerti live. Iniziano i Neptune mercoledì 15 (Piazza Plebiscito, ore 22); giovedì tocca ai Kailia (Largo Ognissanti ore 23), Orchestra mancina di scena venerdì in Largo Ognissanti alle 23; sabato La Rocha (alle 23), domenica gli Elfolk (largo ognissanti 23). Sponsor ufficiali della manifestazione: Beko cucine, Quercetti, #Sushi. 

Dal 15 al 19 giugno Ceglie diventa il Paese dei balocchi. 

Hashtag: #FGiochi06
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Festivaldeigiochiedelletradizioni/
Contatti: 3396539446 Mirko Lodedo (direttore artistico); 3661032423 Angela Vitale (organizzazione); 3922156074 Sonia Gioia (comunicazione)
Altri articoli di "Tempo libero"
Tempo libero
30/10/2017
Lo ha realizzato Paolo Nespoli sulla Stazione Spaziale Internazionale e risale a fine ...
Tempo libero
19/10/2017
Al parco Carrisiland inizia una nuova avventura con nuovi temi e nuovi ...
Tempo libero
01/09/2017
Venerdì 15 settembre a Erchie musica dalle 19 per la ...
Tempo libero
09/03/2017
Musica e teatro saranno protagonisti di una settimana piena di eventi al Binario 23 di ...
Sabato 19 agosto a Lecce, in piazza Libertini. “Best of Soul”, l'imperdibile tour di Mario Biondi, fa ...