Ultimo atto del Teatro Eden. Domenica “Sogno di una notte di mezza estate” della Talìa

martedì 24 maggio 2016
Ci siamo.

La stagione teatrale del Teatro Eden di Brindisi è giunta al suo ultimo spettacolo e lo fa in grande stile. Domenica 29 maggio, alle ore 19:30, andrà in scena ‘Sogno di una notte di mezza estate’, con i ragazzi della scuola d’arte drammatica Talìa, a cura del direttore e regista Maurizio Ciccolella.Inoltre, la scuola Talìa mira anche a sensibilizzare il cittadino alla cura dell’ambiente. Infatti, promuove il contest sociale ‘Sogna e Pianta’.
Esattamente 400 anni fa scompariva uno dei più grandi commediografi inglesi, William Shakespeare. Tante le sue commedie divenute celeberrime, con le quali ha deliziato i più fini palati culturali dei posteri, ma tra queste spicca, certamente, ‘Sogno di una notte di mezza estate’ (1595), opera dal risvolto decisamente magico-romantico.
Il mondo onirico irrompe nella quotidianità, dunque, mescolandosi, così, con il mondo della consapevolezza e creando un doppio binario tra magia e realtà. Sarà un filtro d’amore, spremuto sulle palpebre di chi dorme, a modificare i sentimenti dei personaggi, dopo il risveglio. Dopo gli effetti della pozione magica, ogni cosa si colloca in una posizione del tutto nuova e decisamente migliore.
L’opera può essere definita l’antologia dei sentimenti, in quanto si toccano i temi dell’amore, dell’amicizia e della famiglia, punti cardine nella vita di un uomo. Tutto questo, però, sarà suscettibile del brillante tocco del regista dello spettacolo Maurizio Ciccolella, noto, appunto, per apportare interpretazioni geniali ai suoi spettacoli. I giovani protagonisti della scuola danno anche loro un importante contributo all’interpretazione voluta dal loro regista. 
“E’ tipico di molti insegnanti e registi usare i testi di Shakespeare nella formazione degli attori – ha commentato Maurizio Ciccolella – questo è il secondo spettacolo di Shakespeare in cui mi cimento. E’ come un lunghissimo tunnel in cui hai la sensazione di camminare, circoscritto in una struttura solida e definita, ma che promette una fine piena di luce. Forse, abbagliante. Il punto è percorrere tutto il tunnel”.
“Da quando faccio teatro – ha detto l’alunno della scuola Mino Leone – ho sempre avuto il ‘sogno’ di misurarmi con il genio Shakespeare, perché credo sia molto formativo per un attore affrontare i suoi testi. Nello spettacolo si enucleano le varie sfumature del concetto di amore: un amore non canonico, fuori dagli schemi”.
Sarà fondamentale la messa in scena del regista, con una scenografia non ‘abituale’, in cui gli attori si muoveranno nel pubblico, mentre si andranno a dipanare le diverse situazioni del copione. Anche la ‘parola’ è stata connotata dal regista, atta ad una più dinamica esibizione. 
La spettacolo, inserito nella rassegna ‘Art’nHeart’ e patrocinato dal Rotary Club Brindisi Appia Antica, dalla Regione Puglia, dal Teatro Pubblico Pugliese, dalla Nuova Fondazione Teatro Verdi e dalla Provincia di Brindisi, andrà in scena domenica 29 maggio, alle ore 19:30, presso il Teatro Eden/0831 di Brindisi. 

 
Altri articoli di "Teatro"
Teatro
20/02/2020
BRINDISI - Un ristorante di periferia e una famiglia unita ...
Teatro
17/02/2020
Il pittore olandese è rinchiuso nel manicomio di ...
Teatro
28/01/2020
BRINDISI - Antonio Stornaiolo e Vito Signorile sono i protagonisti al Nuovo Teatro Verdi ...
Teatro
02/12/2019
BRINDISI - Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini si confrontano con un cult della letteratura ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...