Cittadella, l'idea di Carluccio per l'Università: «Ristrutturazione a cura di Invimit e affitto all'Enel»

sabato 30 aprile 2016
«Un campus che metta insieme i corsi di studi dell'Università di Lecce e di quella di Bari già esistenti e che rilanci la Cittadella della Ricerca». 

Angela Carluccio, candidato sindaco della coalizione di centro, propone il suo progetto per un nuovo polo universitario brindisino e per cancellare la precarietà con la quale, anno per anno, gli studenti devono confrontarsi, sia per il rischio di interruzione dei corsi di studi, che per le condizioni delle strutture e la dispersione delle sedi.

«La Cittadella può diventare il Polo Universitario Brindisino, in grado di ospitare anche il corso di Economia dell'Università di Bari, attualmente collocato nelle vecchie strutture dell'ex ospedale Di Summa, e quello istituendo di Farmacia - spiega Carluccio - Conosciamo tutti le condizioni economiche disastrose in cui versa la Provincia e che non le permettono più di mantenere l'università». 

Per questo motivo, gli enti locali, alcuni mesi fa, hanno chiesto, con l'intento di vendere gli immobili, l'intervento di Invimit, la società di gestione del risparmio del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha subito dopo inviato i dirigenti a effettuare un sopralluogo presso la Cittadella. 

«Potremo dunque convincere Invimit della bontà dell'investimento - chiarisce Carluccio -  e portarla ad  acquisire e ristrutturare l'intera cittadella grazie al proprio Fondo Università, come sta facendo in altre parti d'Italia. A quel punto per il canone d'affitto dovranno entrare in gioco Enel, che a Civitavecchia, città in cui si trova una centrale simile a quella di Brindisi, versa 500mila euro all'anno all'università, con il Comune e la Regione. La Cittadella diventerà così il Polo Universitario Brindisino con la possibilità di offrire agli studenti il pieno utilizzo degli spazi comuni: mensa, sala congressi, dormitori. In questo modo - conclude il candidato sindaco - si assicurerà finalmente agli studenti che scelgono di frequentare l'università a Brindisi quella continuità e quella qualità che sono sempre mancate e garantiranno la permanenza nella nostra città di giovani menti e futuri professionisti».

L'idea, quindi, è di fare leva sul presidente dell'Invimit, Massimo Ferrarese, alla luce anche dei buoni uffici di quest'ultimo con il candidato sindaco e con una larghissima fetta della sua coalizione.
Altri articoli di "Brindisi"
Brindisi
22/01/2021
Il Comune di Brindisi, insieme ai Comuni di Mesagne, ...
Brindisi
21/01/2021
BRINDISI - Le risorse stanziate dal Recovery Fund per i ...
Brindisi
20/01/2021
BRINDISI - È stato approvato il progetto di ...
Brindisi
20/01/2021
Ieri, 19 gennaio, si sono incontrati i sindaci della ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...