Il comitato Energia Ambiente e Territorio a Peacelink: "La sua solo un'opera denigratoria"

giovedì 7 aprile 2016
Il comitato Energia Ambiente e Territorio intende denunciare con fermezza l’opera denigratoria portata avanti oggi da Peacelink nei confronti di Enel e della centrale “Federico II” di Brindisi.

In una nota, a firma del suo presidente Carlo De Punzio, si legge infatti che “non esiste infatti alcuna procedura di infrazione aperta dalla Direzione Ambiente della Commissione Europea in data odierna o nei scorsi giorni. La Commissione Europea ha risposto infatti con una lettera facilmente reperibile anche sul sito internet della EU in cui viene rappresentata la risposta all’ associazione ambientalista, dicendo che prenderà in considerazione i dati forniti da Peacelink all’ interno di una vecchia procedura di infrazione già aperta nei confronti dell’Italia e non di Brindisi o di un’azienda in particolare per poter valutare se ci sono dei riscontri tecnico-scientifici. La comunità brindisina – prosegue la nota - è stufa di queste azioni false e denigratorie che non fanno altro che infangare non soltanto la reputazione di un’azienda o di un polo industriale ma di un intera Città. Questo esercizio di fornire munizioni ai nemici di Brindisi e dell’Italia è una pratica spesso utilizzata da questi soggetti in cambio di qualche apparizione sui media, ma anche questa volta saranno costretti a chiedere scusa alla nostra comunità per aver abusato della cattiva informazione”.
 
 
 
 
Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Ambiente
21/11/2018
Gli ingegneri nominati dal gip hanno concluso che il gasdotto e la rete gas Snam alla ...
Ambiente
16/11/2018
L'operazione disposta dalla Procura di Lecce nell'ambito ...
Ambiente
02/11/2018
Attività di contrasto al fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti: ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...