Discarica, officina e cantiere abusivi: nei guai un 51enne di Brindisi

giovedì 11 febbraio 2016
C'erano rifiuti ma anche un'officina per il rimessaggio barche del tutto abusiva, nell'area scoperta questa mattina dalla Forestale.

Il Nipaf, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale, di Brindisi del Corpo Forestale dello Stato, a seguito di un’attività di controllo del territorio a sud della città, ha accertato la presenza di cumuli, in parte livellati, di rifiuti speciali di varia origine, per lo più scarti di attività edilizia ma non solo, in un terreno presente in un'area agricola di località “Formosa”.

All’interno dell’area recintata, V.S., 51enne di Brindisi molto noto alle forze dell'ordine, esercitava un’attività di rimessaggio barche e carrozzeria, senza alcuna autorizzazione, scaricando sul terreno i rifiuti di opere edili realizzate per il cantiere.

Gli agenti della Forestale hanno, quindi, proceduto a denunciare il titolare alla Procura della Repubblica, e ad apporre i sigilli lungo il perimetro dei locali del cantiere abusivo e dei cumuli di rifiuti.

L’accertamento ha evidenziato, oltre al reato ambientale di abbandono di rifiuti, fra cui anche cataste di parti meccaniche e di attrezzature di carrozzeria in disuso, una totale illegalità nella realizzazione di opere edili per la funzionalità del cantiere nautico: piazzali in calcestruzzo, ponteggi di sollevamento, capannoni per officina.

La zona in questione, a destinazione agricola, è a ridosso della periferia urbana: in passato è stata spesso oggetto di abusi e in genere di attività illecite contro l’ambiente.
Altri articoli di "Brindisi"
Brindisi
14/01/2019
Dopo 18 ore di serrate indagini è stato fermato l’autore del tentato ...
Brindisi
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Brindisi
14/12/2018
Sul tir con targa greca erano stipati 145 colli ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...