EuroCup, Enel: spazio alle seconde linee e vittoria Ludwigsburg

giovedì 10 dicembre 2015
In una Europa che non ha più nulla da chiedere a Brindisi, i tedeschi conquistano i due punti tra le mura amiche dell’Enel.

Si tratta pressappoco di un partita di allenamento per Brindisi, la quale, già eliminata dalla competizione, lascia spazio a chi ha giocato meno in questo avvio di stagione. Si rivedono in campo Reynolds e Scott, recuperati dopo gli infortuni. Da registrare la buona prestazione di Milosevic.
Il match inizia in maniera equilibrata, con i tedeschi che applicano la strategia della pazienza, ma qualche disattenzione difensiva biancazzurra regala canestri preziosi a Ludwigsburg. Torna in campo, dopo il lungo infortunio, Durand Scott, autore di una bella azione e di una discreta prestazione. Brindisi, però, ha da rivedere una difesa ballerina. Così, al primo suono della sirena, si va in panca sul punteggio di 20-23.
Nel secondo quarto la musica cambia. I tedeschi fanno capire che sono giunti fino a Brindisi per vincere, anche perché i due punti consentirebbero loro maggiore tranquillità in ottica qualificazione. Infatti, Riesen cambia marcia ed ingrana la quarta. Si vede ottima intensità e compattezza di gioco. L’Enel non sta a guardare e fa registrare un parziale di 5 punti a 0, grazie anche da un Milosevic in gran spolvero. Finalmente sembra avere trovato lo spirito giusto. Ludwigsburg, però, pressa bene ed allunga sui padroni di casa. Bucchi torna alla difesa a zona, con 3 lunghi, ma si va negli spogliatori sul risultato di 32-43.
Si torna sul parquet del PalaPentassuglia con toni più accessi. Si vede del sano agonismo e falli da ambo le parti. Continua a convincere Gagic. Il terzo quarto serve a Bucchi soprattutto per testare le condizioni del player titolare Reynolds, il quale scende in campo, ma con cautela. La frazione di gioco dice ancora tedeschi in vantaggio per 49-62.
L’ultimo quarto regala emozioni come un bacio ad una sorella. Entrambi i coach lasciano spazio alle seconde linee e non succede nulla di più del solito allungo nel punteggio dei tedeschi. La gara si conclude con Brindisi battuta per 60-87.
Onestamente, coach Bucchi non poteva chiedere nulla di più ai suoi ragazzi, scesi in campo senza stimoli. La gara è servita a far rifiatare i giocatori più utilizzati ed avere conferme dagli infortunati e da Milosevic, il quale ha convinto, meritandosi il titolo di miglior realizzatore dei biancazzurri (13 punti finali).
In conferenza stampa post-gara, Bucchi mette le mani avanti: “Non è facile giocare quando non si hanno le armi giuste – esordisce il coach dell’Enel – stasera siamo usciti con le ossa rotte. Non siamo in forma, con due giocatori come Scott e Reynolds che stanno rientrando. Ci vorrà del tempo per vedere la squadra al meglio della forma”.
Ora, Brindisi deve solo pensare al match casalingo di campionato contro Reggio Emilia, a due sole lunghezze in classifica. Palla a due, domenica 13 dicembre, alle 12:00.
Tommaso Lamarina
 
Altri articoli di "Brindisi"
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI - Oggi il sindaco Riccardo Rossi ha spiegato di aver contattato Edison ...
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI - Il report Covid ricevuto oggi dalla Prefettura e ...
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI – La magistratura sta facendo i necessari ...
Brindisi
11/01/2021
BRINDISI - Si è conclusa l’erogazione dei ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...