EuroCup, il derby va a Reggio Emilia: Brindisi sfortunata e battuta 82-79.

giovedì 15 ottobre 2015
Non inizia con il piede giusto il cammino in Europa dell’Enel Basket Brindisi, che, al PalaBigi di Reggio Emilia, sfiora l’impresa, ma all’ultimo quarto cede sotto i colpi della Grissin Bon.

Avvio di gara esaltante per l’Enel, in termini di intensità e concentrazione, con un Gagic in grande spolvero. I brindisini, così, fanno capire che non sono giunti fino in Emila per una scampagnata e realizzano un parziale di 1-11. I padroni di casa, però, hanno tra le file un certo Della Valle, che realizza ben 7 punti consecutivi. Il primo quarto si chiude sul 13-21.

La seconda sirena dice ancora Enel, anche se la squadra di coach Bucchi pare faccia scarsa pressione sui portatori di palla. Ciononostante, viene fuori quello che è il marchio di fabbrica del coach brindisino: ottima difesa e contropiede. Il primo tempo, molto equilibrato, vede la squadra in trasferta nuovamente avanti per 37-39.

Dopo il primo intervallo lungo, la gara riparte nel segno di Banks e Reynolds, due veri motorini in forza a Brindisi. Il roster di Bucchi pare inizi a decollare e, infatti, l’Enel è una squadra, fino a questo momento, senza sbavature. Così, il terzo quarto si chiude con il punteggio di 57-62.

Nell’ultimo quarto di gioco cambia l’intera gara. Grissin Bon, dopo un iniziale torpore, si scuote e agguanta l’Enel, complice anche l’uscita anticipata di Cournnooh per il quinto fallo personale. La squadra di coach Bucchi pare essere un po’ molle sulle gambe e dopo un gravissimo errore di Milosevic in difesa, che, di fatto, consegna la palla ai padroni di casa, inizia la disfatta brindisina. 

Gagic, ottimo protagonista nel primo tempo e fantasma nel secondo, sbaglia 2 tiri liberi che avrebbero portato l’Enel ad un punto dalla Grissin Bon. L’Enel tiene duro, ma è costretta a cedere il passo agli emiliani. La partita si conclude sul punteggio di 82-79.

Nonostante la sconfitta, l’Enel ha giocato una ottima partita, almeno fino a 6 minuti dal termine dimostrando di non temere l’esordio nella massima competizione europea cestistica. Di certo, l’affaticamento evidenziato sul finale è figlio della gara di campionato di domenica scorsa. 

Ora, coach Bucchi ha 3 giorni per preparare l’ostica trasferta contro i campioni d’Italia di Banco di Sardegna Sassari.

Tommaso Lamarina
Altri articoli di "Brindisi"
Brindisi
16/01/2021
Il Comune di Brindisi, come deliberato oggi 15 gennaio, parteciperà come capofila, ...
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI - Oggi il sindaco Riccardo Rossi ha spiegato di aver contattato Edison ...
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI - Il report Covid ricevuto oggi dalla Prefettura e ...
Brindisi
14/01/2021
BRINDISI – La magistratura sta facendo i necessari ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...