Presentate al Map di Brindisi le "Pale d'altare" del maestro Giuseppe Ciracì

sabato 3 ottobre 2015
Il Map di Brindisi, il Museo Mediterraneo dell'Arte Presente, prosegue il progetto site specific “Pale d’altare al Map” presentando le tre pitture di Giuseppe Ciracì.

La mostra rientra nell’ambito della seconda edizione di “Sull’arte contemporanea: metodologia e ricerca nei luoghi dell’Università”, rassegna dedicata alle arti visive allestita nelle sedi dell’Università del Salento ideata e organizzata dalla delegata del rettore alla Conoscenza, Ricerca e messa in valore dei Beni Culturali, Letizia Gaeta, e con la cura scientifica di Massimo Guastella, docente di Storia dell’arte contemporanea. 

L’iniziativa è promossa dal Dipartimento di Beni Culturali, dal Laboratorio Tasc, Territorio, Arti Visive e Storia dell’Arte Contemporanea, e in collaborazione con lo spin-off Cracc - Conservazione e Ricerca Arti e Culture Contemporanee.

Dopo le “Pale d’altare per il Map” di Fulvio Tornese e Cosimo Epicoco, collocate tra le cornici barocche della chiesa di San Michele Arcangelo delle Scuole Pie, ora sede espositiva per il contemporaneo, sabato 10 ottobre 2015, alle 19, per l’undicesima Giornata del Contemporaneo, Massimo Guastella, ordinatore della mostra, propone le grandi tele eseguite speficamente da Giuseppe Ciracì. 

La mostra persegue le ragioni dell’iniziativa che dà continuità alla tradizione delle opere d'arte commissionate per gli altari delle antiche chiese, declinandola nell’accezione in uso nella produzione artistica contemporanea del site specific, destinata dunque alla sede che la ospita, con cui si relaziona e interagisce, consolidando la corrispondenza tra passato e presente, proponendo una dialogo  tra  due differenti modi culturali.

 
La contaminazione reciproca, che apporta conoscenza e messa in valore tanto dell’architettura chiesastica e dei suoi arredi sacri quanto della creatività e dell’estetica d’oggi, trova conferma nelle soluzioni proposte dall’artista pugliese che afferma: «Il mio progetto site specific, indaga soprattutto sulle antiche origini del luogo, in cui sono allestite le mie tre pale d’altare. La chiesa barocca nel centro storico di Brindisi e il complesso conventuale dei padri delle Scuole Pie mi hanno suggerito una narrazione figurativa dalle forti suggestioni storiche e storico-artistiche. La missione dei padri scolopi è stata sin dal 1664 quella di educare e alfabetizzare la popolazione avviando la formazione scolastica dei più piccini per poi, un decennio dopo, istituire l’Accademia degli Erranti. Dunque ho ideato tre grandi dipinti, sino a tre metri d’altezza,  che parlano, raccontano, mettono in rapporto quella sede dell’istruzione e anche le sue sei e settecentesche pitture dal fondo pedagogico e l’attuale sistema scolastico nel quale opero quotidianamente». 

Seguendo le sue cifre stilistiche risolutamente figurative in una flessione concettuale, espresse con i mezzi prediletti, mélange  di disegno e pittura e inserti cartacei, Ciracì fornisce elementi e segni collegati a momenti del mondo della scuola e lo fa senza sottintesi con le due pitture degli altari laterali “Ottantasei volte scuola”, su cui lascia le sue impronte digitali e ottantasei fogli disegnati dai suoi piccoli alunni, e  “L’Assenza”, che ritrae un dettaglio della didattica musicale non senza riferimenti alle raffigurazioni da secoli collocate nelle cornici mistilinee della chiesa.

La pala centrale come nella ideazione progettuale di Massimo Guastella è un omaggio alla chiesa, alla sua storia cultuale e artistica e alla dedicazione dell’altare maggiore, per una più stretta connessione tra contemporaneo e storia dell’arte con “Un’idea per l’arcangelo Michele”.

Oltre al depliant che accompagna la mostra, per l’occasione sarà edito un catalogo con testi di Massimo Guastella, Letizia Gaeta, Lucio Galante, Martina Cavallarin, Luisa Gagliardi, Antonella Gallone, per la collana Percorsi d’Arte e Storia dell’Arte, di Locorotondo Editore. 

La mostra è visibile presso la chiesa di San Michele delle Scuole Pie, in via Tarantini 37, a Brindisi, e rimarrà aperta da sabato 10 ottobre al 4 febbraio 2016, dal lunedì al sabato, dalle 18 alle 20, e solo su richiesta per appuntamento in orari da concordare telefonando al 3402767898/3382618983. “Vernice” sabato 10 ottobre 2015 h 19. Ingresso libero/donation
 
Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
19/10/2020
Il Covid-19 non ha fermato Loi di Campi, che continua a regalare autentiche perle rare ...
Arte e archeologi..
24/07/2020
"Ci sono vite che capitano e vite da capitano", ...
Arte e archeologi..
29/03/2020
In questi tempi inquieti e incerti, in cui tra le ...
Arte e archeologi..
05/03/2020
Uno Stradivari che colpisce il Covid-19, in queste ore sta ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...