Da Materazzi a Gerini, tutti per gli ulivi del Salento

venerdì 27 marzo 2015
 Il mondo dello spettacolo partecipa alla battaglia ambientalista in difesa degli ulivi del Salento: Zampaglione, Gerini, Marrone e Materazzi rispondono all'appello di Nandu Popu. Domenica pomeriggio manifestazione a Lecce. 

Un hashtag diventato un grido di battaglia. "Difendiamo gli ulivi" imperversa sui social, raccogliendo l'adesione di molti volti noti del mondo dello spettacolo. Il primo a metterci la faccia è stato Nandu Popu, dei Sud Sound System, da sempre impegnato sul fronte ambientalista, che fin dalle prime ore ha manifestato la propria perplessità sull'affaire xylella e sui relativi drastistici rimedi per contenerla, ovvero l'eradicamento delle piante. A seguirlo sono stati in tanti, da Sabina Guzzanti, che ha postato un video dello stesso Nando portando la vicenda all'attenzione nazionale, ad Albano. Ma non solo, perchè su Facebook, Instagram e Twitter in queste ore hanno manifestato la propria solidarietà alla battaglia per questi monumenti del Salento anche Federico Zampaglione, Marco Materazzi, Claudia Gerini ed Emma Marrone. Tutti, cartello alla mano, sotto lo slogan di "Difendiamo gli ulivi". 

Intanto prosegono i preparativi per la manifestazione di domenica in piazza Sant'Oronzo. Organizzata dallo scrittore Pino Aprile, porterà in piazza i tanti cittadini che intendono difendere gli ulivi.

"Vogliono distruggere centinaia di migliaia di ulivi nel Salento" scrive Pino Aprile sulla pagina dell'evento. "Ufficialmente per fermare la Xylella ma i dubbi sulle reali motivazioni, celate dietro questo batterio, crescono ogni giorno di più. Non si comprende, ad esempio, perché la Commissione Europea si sia limitata a decretare una così grave condanna a morte senza inviare dei propri tecnici sul posto a toccare con mano la situazione; non si capisce, inoltre, perché nessuno voglia fare caso al recupero di alcuni ulivi, che venivano dati per persi, una volta trattati dagli agricoltori pugliesi con metodi naturali. 
Per denunciare i tanti silenzi e le omissioni su questa vicenda, diamoci tutti un appuntamento: il prossimo 29 marzo, in occasione della Domenica delle Palme, facciamoci trovare tutti a Lecce in piazza Sant'Oronzo (proprio vicino all'ulivo). Con in mano un ramoscello, chiederemo insieme trasparenza e verità".

L'appuntamento, inizialmente fissato per la mattina alle 10, è stato spostato poi alle 15 per permettere di partecipare alle tante persone aderenti anche da fuori provincia.

Oltre ai singoli cittadini, sono questi i movimenti e le associazioni che finora hanno aderito all'iniziativa:
Forum Ambiente e Salute, Lilt Lecce, Agricoltura è salute, S.O.S (Salviamo Ora Il Salento), Movimento Taranto Respira, Movimento Liberiamo La Basilicata, Peacelink, Comitato Nazionale Salvaguardia Torre Guaceto, Spazi Popolari, No Al Carbone Di Brindisi, Csv Salento, No Tap, Comitato Permanente Per La Tutela Del Territorio Galatone, Associazione Nov@Alba, Aiab Taranto, Legambiente Taranto, Apicoltura Salentina, Comitato "La Radice" Neviano, Comitato No Triv Capo Di Leuca, Fiab Lecce Ciclamici.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Ambiente
21/11/2018
Gli ingegneri nominati dal gip hanno concluso che il gasdotto e la rete gas Snam alla ...
Ambiente
16/11/2018
L'operazione disposta dalla Procura di Lecce nell'ambito ...
Ambiente
02/11/2018
Attività di contrasto al fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti: ...
Lunedì 5 novembre prima assoluta: Vessicchio dirige "I solisti del sesto armonico". La stagione ...