"Strisce blu, è necessaria trasparenza": intervista a Roberto Spennato

sabato 19 gennaio 2013

A Lecce, la polemica sull'allargamento dei parcheggi a pagamento in zona Leuca non accenna a spegnersi. Ne abbiamo parlato con Roberto Spennato, responsabile per la Puglia del Comitato Strisce Blu, associazione che da anni si batte per la legalità e il rispetto del Codice della Strada in materia di aree di sosta urbane.


L'amministrazione leccese allarga la zona delle strisce blu anche all'area di via Leuca. Cosa ne pensa?

Credo che l'amministrazione abbia bisogno di recuperare cassa per la Sgm, che intanto perde introiti dalle linee degli autobus ferme. Mi hanno già riferito che le nuove strisce blu rientreranno in una zona di rilevanza urbanistica, quindi non ci sarà bisogno di assicurare, nella stessa area, dei parcheggi gratuiti. Ci saranno solo quelli a pagamento. Eppure, le zone di rilevanza urbanistica dovrebbero limitarsi al centro storico, per esempio; dove il traffico può danneggiare il basolato, o dove un camion potrebbe lesionare la facciata di una chiesa antica. Queste sono considerazioni che dovrebbero fare architetti o ingegneri. Non si può istituire una zona di rilevanza urbanistica in base all'afflusso delle persone e, quindi, ai possibili guadagni sulle zone di sosta.


Il Comitato Strisce Blu ha in programma qualche iniziativa al riguardo?

Come Comitato Strisce Blu, in passato, abbiamo già chiesto due volte al Comune di Lecce l'accesso agli atti, per analizzare tutta la documentazione circa le aree di sosta a pagamento. Non abbiamo mai ricevuto una risposta. Ci proveremo per la terza volta, approfittando di questo momento, in cui sembra che da parte di tutti ci sia voglia di trasparenza. Noi vogliamo sapere quante sono le strisce blu in città, quali introiti ci sono, come vengono investiti quei soldi. Per fare questo, però, abbiamo bisogno di poter accedere ai documenti. Cosa che, per legge, dovrebbe essere sacrosanta.


Questa mattina, alcuni rappresentanti del Pd leccese erano in piazza Mazzini per pubblicizzare una petizione contro le nuove strisce blu. E' un buon segnale?

Penso che sia una trovata elettorale, nulla di più. Un paio d'anni fa denunciai alcune situazioni censurabili legate ai parcheggi a pagamento proprio al Pd, affiché si potesse intraprendere una battaglia anche da dentro Palazzo Carafa. Nulla. Nessuno mosse un dito. Il volantinaggio di oggi serve per alimentare consenso in vista delle prossime politiche. Quello delle strisce blu è un tema che esce fuori periodicamente, solo in concomitanza con periodi elettorali. Durante il resto dell'anno, l'argomento non esiste.


Al di là dei nuovi parcheggi in via Leuca, a Lecce, le strisce blu non sembrano essere state concepite d'accordo con il Codice della Strada. E' vero?

Verissimo. E' un problema evidente che abbiamo denunciato più e più volte. Il Codice della Strada parla chiaro: mai strisce blu in prossimità di un incrocio, mai strisce blu all'interno della carreggiata. A Lecce le regole non sono state rispettate e a perderci, purtroppo, è il cittadino, anche in tema di sicurezza. L'elenco delle irregolarità è lunghissimo, ma nessuno ha interesse a toccarlo. Anche perché, se lo facessero, si dovrebbero eliminare buona parte dei parcheggi a pagamento di Lecce e provincia. Tutti i partiti che, in questo momento, si stanno battendo contro le strisce blu, dovrebbero dare un segnale di coerenza e di trasparenza verso i cittadini. Rendano accessibile tutta la documentazione a loro disposizione. Solo così potremmo pensare di risolvere il problema.


A.G.

 

Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
09/04/2018
Fan in delirio al termine dell'esibizione. "Romina è la mia donna ...
Tv/Radio
08/02/2018
Questa sera superospiti i Negramaro. Attesa per oggi la ...
Tv/Radio
07/02/2018
 Grande successo per la prima serata del Festival. ...
Tv/Radio
19/10/2017
Si terranno a Bari i provini de "La Corrida" per partecipare alla prossima ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...